Inaugura la nuova palestra di Longastrino - Comune di Alfonsine

Skip to main content
 
 
Sei in: Home - Guida ai servizi - news - Inaugura la nuova palestra di Longastrino  

Inaugura la nuova palestra di Longastrino

 

Lunedì 29 novembre è prevista l’inaugurazione della palestra di Longastrino, in piazza Berlinguer.

 

Si tratta della seconda palestra in cinque anni inaugurata dal Comune di Alfonsine, a servizio del polo scolastico annesso e delle associazioni sportive locali. L’intervento nasce dall’esigenza dell’Amministrazione di migliorare gli spazi sportivi pubblici dal punto di vista della messa a norma e di messa in sicurezza, dell’accessibilità, dell’efficientamento energetico e dell’offerta di servizi.

 

L’Amministrazione ha deciso di intitolare la nuova palestra a Maria Scutti  (Altino, 1928 - 2005), atleta vincitrice di 15 medaglie, di cui 10 d'oro, ai primi Giochi paralimpici estivi di Roma nel 1960, dove gareggiò in ben quattro discipline (atletica leggera, nuoto, tennis tavolo e scherma). Soprannominata la "donna d'oro" grazie a questi successi, Maria Scutti è ancora oggi l’atleta ad aver vinto più medaglie in una singola edizione dei Giochi paralimpici e nel luglio di quest’anno è stata insignita postuma della medaglia d'oro al valore atletico.

 

L’inaugurazione si svolgerà alla presenza delle autorità, della ginnasta olimpica Milena Baldassarri e del maratoneta paralimpico Loris Cappanna, degli alunni della scuola primaria e secondaria di Longastrino ed è aperta a tutta la cittadinanza.

 

 

Approvato nel 2019, il progetto è stato in parte finanziato da contributi regionali volti all’impiantistica sportiva.

L’intervento ha comportato la demolizione della vecchia pales tra e degli spogliatoi esistenti, allo scopo di rispondere in modo soddisfacente alle richieste del territorio e conseguire al contempo elevati livelli di sicurezza e di sostenibilità dal punto di vista ambientale, energetico e del consumo di suolo. L’edificio è composto da due unità strutturali in grado di assolvere a funzioni strategiche in caso di calamità.

Tra il corpo scuola e il corpo palestra è stata realizzata una zona filtro con una rampa che garantisce l’accessibilità da parte di utenti diversamente abili.

 

Il campo è omologato  per campionati di serie C e D di pallavolo, e basket per campionati regionali, under 21, campionati giovanili, oltre che per il mini basket. La pavimentazione posata è certificata e omologata dalle federazioni nazionali di pallavolo, pallamano e pallacanestro e idonea alla presenza del sottostante impianto di riscaldamento a pavimento.

 

L’edificio nel suo complesso è stato ideato adottando una strategia progettuale mirata al risparmio energetico e idrico tramite accorgimenti quali l’utilizzo di materiali che garantiscono un ottimo isolamento termico, l’installazione di pannelli fotovoltaici, l’installazione di serbatoi interrati esterni per la raccolta dell'acqua piovana  da riutilizzare per l’alimentazione delle cassette di risciacquo. L'acqua meteorica dei tetti e di superfici non sottoposte a traffico veicolare, infatti, può essere raccolta e utilizzata per gli impieghi che ammettono anche una classe di qualità dell'acqua non potabile. È stato anche inserito un sistema esterno di frangisole per permetterne l’utilizzo durante tutto l’arco della giornata.

 

Il progetto della nuova palestra di Longastrino è stato redatto da Instudio - Ingegneri associati di Ravenna assieme con lo studio Galileo Ingegneria e l’ingegner Gianni Minori, mentre i lavori sono stati realizzati dalla cooperativa Adriatica Costruzioni Cervese.

 

Per quanto riguarda la sistemazione delle aree esterne è stato effettuato un recupero funzionale della pista d’atletica adiacente, facente parte del centro sportivo comunale, con lo scopo di realizzare il “Percorso vita fitness”, un nuovo spazio attrezzato collegato agli impianti sportivi che favorisca abbinamenti tra pratica motoria e sportiva e la valorizzazione delle risorse naturali esistenti. L’atleta potrà sfruttare la pista di atletica per il riscaldamento muscolare, e una volta raggiunte le aree verdi esterne alla pista, fermarsi nelle singole sedici stazioni componenti il percorso; ogni stazione comprende apposita attrezzatura e pannello stampato, descrivente gli esercizi da effettuare a corpo libero e il numero di ripetute consigliate.

 

29-11-Inaugurazione-palestra-maria-scutti
 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse